Etichette antitaccheggio: cosa sono e quando vengono utilizzate

9 Ottobre 2020

Le etichette sono un elemento fondamentale per garantire la sicurezza dei prodotti sul mercato. In particolare le etichette antimanomissione sono quella tipologia che garantisce la qualità, individua le violazioni, le manipolazioni e anche i furti. 

Qualsiasi settore, ha necessità di sigillare i prodotti per evitare che il contenuto venga danneggiato o manipolatore che arrivi integro a destinazione, ma assumono un ruolo fondamentale in particolari ambiti: 

  • elettronica di consumo
  • automotive
  • inventario di beni
  • dispositivi a noleggio
  • assistenza tecnica
  • spedizioni

Si tratta quindi, di sigilli che certificano la qualità, la riservatezza dei dati e l’integrità, soprattutto quando i prodotti devono essere spediti e passare da un luogo ad un altro prima di arrivare al destinatario.

L’assenza di queste etichette o il loro danneggiamento, dimostra automaticamente che il prodotto è stato manomesso, quindi non può più essere certificato. 

Etichette antitaccheggio adesive

In alcuni settori, vengono utilizzate etichette con adesivo permanente, cioè con collante durevole, in questo modo l’etichetta non può essere rimossa facilmente. Il sigillo antieffrazione infatti, aderisce perfettamente alla superficie e, se rimosso, non lascerà alcun segno sul prodotto. 

L’assenza dell’etichetta dimostrerà che il prodotto non può essere garantito, in quanto manomesso al di fuori della filiera che lo ha realizzato. 

Le etichette antieffrazione adesive possono essere usate anche affinché venga impressa una traccia. A differenza di quelle con adesivo durevole, esistono tipologie di etichette in materiale ultradistruttibile e etichette VOID, entrambe mettono il luce l’effrazione lasciando un segno visibile. 

Etichette ultradistruttibili: cosa sono?

Queste etichette sono indispensabili nei settori in cui la manomissione deve essere immediatamente visibile. Infatti, quando si tenta di rimuoverle, il materiale si distrugge in pezzi molto piccoli mettendo in luce l’alterazione del prodotto. 

Le etichette ultradistruttibili, sono prodotte in qualsiasi dimensione, il materiale utilizzato è sintetico, adatto alla stampa a trasferimento termico e sono realizzate con nastri ribbon in resina.

Questa conformazione permette una resistenza alle abrasioni e agli agenti chimici sul lungo periodo.

Etichette di sicurezza VOID: come sono composte?

Le etichette VOID, con la loro rimozione, imprimono sulla superficie del prodotto un messaggio (appunto “VOID” oppure un logo) così che la manomissione sia visibile al consumatore.

Questa tipologia di etichette è adatta al trasferimento termico e a differenza delle etichette ultradistruttibili, può essere realizzata sia con nastri ribbon in resina che con nastri in cera-resina.

Nastro adesivo antieffrazione per i grandi involucri

Se invece è necessario garantire e proteggere un imballo di dimensioni più grandi, la scelta migliore è quella del nastro. Anche in questo caso, quando si tenta di rimoverlo, lascia una scritta VOID sulla confezione.

Se si ha necessità di differenziare le dimensioni del nastro, è possibile anche evitare di stampare in linea e utilizzare un rotolo formato da etichette pretagliate. Queste etichette hanno un numero seriale univoco per il tracciamento dei prodotti.

Se necessiti di un consiglio sulla produzione di etichette antieffrazione compila il form: